Connect with us

In primo piano

Il primo turno dell’ATP Montecarlo

primo turno dellATP Montecarlo

Prendono il via i Masters di Montecarlo, il torneo ATP 1000 che, fino al 18 aprile, vedrà i migliori del circuito sfidarsi sui campi in terra del Monte Carlo Country Club. Il folto gruppo di partecipanti conta infatti ben otto Top 10, con Federer e Thiem unici assenti. In attesa di vederli in azione da martedì, comunque, il primo turno dell’ATP Montecarlo offre già da domani molte sfide affascinanti.

 

Felix Auger-Aliassime – Cristian Garin

 

Come questa battaglia tra giovani emergenti che promette grande spettacolo. Dopo la finale del Murray River Open, Felix Auger-Aliassime non è ancora riuscito a lasciare il segno, ed è in cerca di riscatto dalla deludente eliminazione al terzo turno di Miami. Il n. 22 del ranking cercherà di tornare alla vittoria conto il n. 20, Cristian Garin.
Anche il cileno non ha fatto bene ai Masters in Florida, ma solo dopo aver conquistato, la settimana precedente, a Santiago, il suo quinto titolo ATP in tre anni. Tutti trofei arrivati sulla terra battuta, una superficie su cui la sedicesima testa di serie si trova più a suo agio del canadese.
I due si sono affrontati due volte, entrambe nel 2019, con una vittoria a testa. Aliassime è più atletico e potente del suo avversario, ma, come testimoniano le sette sconfitte su sette finali raggiunte, finora ha sofferto la pressione dei grandi palcoscenici. La maggiore freddezza e l’abilità sul campo su cui scenderanno domani rendono Garin leggermente favorito per il passagio del turno.

 

Lorenzo Musetti – Aslan Karatsev

 

Match inedito tra le due rivelazioni del 2021. Dopo la semifinale di Acapulco, per Lorenzo Musetti sono arrivati i quarti ai Sardegna Open. L’azzurro si è dovuto arrendere a Djere, non prima però di aver aggiunto al suo curriculum una prestigiosa vittoria su Daniel Evans. Alla sua terza partecipazione a un Masters 1000, il diciannovenne ha intenzione di continuare a stupire.
Proprio come Aslan Karatsev, che a ventisette anni sta vivendo la sua esplosione. Dall’inizio dell’anno il russo ha infatti raggiunto le semifinali degli Australian Open e sollevato il suo primo trofeo ATP a Dubai. Anche Montecarlo costituisce un debutto per il n. 27 al mondo, che finora non era mai riuscito a qualificarsi per il tabellone principale di un Masters su terra.
La maggiore abitudine alla superficie, nonostante la giovane età, giocherà a favore di Musetti, ma ultimamente Karatsev ha dato vita a prestazioni davvero impressionanti. Se riuscirà a esprimersi a quei livelli anche domani assisteremo a un match spettacolare, ma in cui l’italiano avrà poche possibilità di successo.

 

Taylor Fritz – Roberto Bautista Agut

 

Da poco salito al primo posto nel ranking tra gli statunitensi, Taylor Fritz ha disputato a Cagliari la sua seconda semifinale dell’anno, dopo quella di Doha. Nonostante le sconfitte si tratta di risultati che testimoniano della brillante condizione del n. 30 al mondo, a caccia di un nuovo titolo ATP da due anni.
Proprio come Roberto Bautista Agut, a digiuno di trofei dal 2019 nonostante le due finali e la semifinale giocate negli ultimi quattro mesi. Il veterano spagnolo ha già ottenuto in stagione vittorie su Medvedev, Thiem e Rublev, e punta a una buona run anche a Montecarlo.
Questo primo match sembra favorirlo: lui e Fritz si sono già affrontati cinque volte, con quattro sconfitte per l’americano. Il record però è di 1-1 su campi in terra, e dal loro ultimo match il ventitreenne ha accumulato molta più esperienza. L’Agut dell’ultimo periodo può battere chiunque, ma a volte pecca di continuità, e la crescita del suo avversario potrebbe spiazzarlo e fornire a Fritz la chiave per il passaggio del turno.

Click to comment

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply

Advertisement

Must See

More in In primo piano