Connect with us

In primo piano

La prima giornata dell’ATP Marbella

prima giornata dell’ATP Marbella

Domani il circuito del tennis torna in Europa, e sulla terra battuta, per la prima giornata dell’ATP Marbella. Con Pablo Carreno Busta e Fabio Fognini come nomi più importanti, il torneo vedrà scendere in campo una variegata line-up di veterani e giovani promesse. Teste di serie come Ruud e Ramos-Vinolas hanno ricevuto un bye al primo turno, ma tra chi giocherà lunedì ci sono diversi nomi da tenere d’occhio.

 

Holger Rune – Kwon Soon-woo

 

A soli diciassette anni e con un ranking sotto i 300, Holger Rune potrebbe passare inosservato, finché non si ammira il suo gioco formidabile. Il mese scorso il giovanissimo danese ha stupito tutti a Santiago, il suo secondo torneo ATP in carriera. Partendo dalle qualificazioni è infatti arrivato ai quarti di finale, battendo agli ottavi il Top 30 Paire.
Il suo debutto in Spagna non sarà però semplice, perché lo aspetta la testa di serie n. 7, Kwon Soon-woo. Il coreano, vincitore dei Challenger di Biella a febbraio, ha raggiunto i quarti a Singapore, dopo aver ottenuto lo stesso risultato in quattro tornei consecutivi nel 2020. Top 100 e con molta più esperienza dell’avversario, nonostante i soli 23 anni, sarà un ostacolo difficile da superare per Rune.
Ma il talento e l’entusiasmo del diciassettenne potrebbero sorprendere in questo match inedito, e fruttare al danese un clamoroso passaggio del turno.

 

Facundo Bagnis – Francisco Cerundolo

 

Questo derby argentino è molto più interessante di quanto il ranking dei protagonisti suggerisca. Facundo Bagnis, ex n. 55 al mondo, a trentun anni sta vivendo uno splendido 2021. Dopo la prima semifinale in carriera a Cordoba, infatti, a Santiago ha conquistato anche la prima finale. Il record in stagione è un ottimo 7-3, appena migliore del 5-3 del suo avversario.
Francisco Cerundolo ha guadagnato più di 100 posizioni nel ranking dall’agosto 2020. In questa stagione, dopo aver vinto per la prima volta una gara ATP a Cordoba, ha avuto una strepitosa run a Buenos Aires. Il ventiduenne, partito dalle qualificazioni, si è fermato solo in finale, battendo lungo la strada Ramos-Vinolas, uno dei grandi favoriti di Marbella.
Bagnis e Cerundolo si sono affrontati lo scorso anno in un Challenger, e la vittoria è andata al più giovane. Nonostante la buona forma e la maggiore esperienza del suo avversario, Cerundolo gioca senza timore e ha i mezzi per ottenere un nuovo successo.

 

Alejandro Davidovich Fokina – Damir Dzumhur

 

Un altro emergente, Alejandro Davidovich Fokina, cercherà di dare una svolta a una stagione che lo ha visto costretto a saltare per Covid gli Australian Open e avere come miglior risultato i quarti di finale a Montpellier.
Dal canto suo Damir Dzumhur, ex n. 23 del ranking, continua a fare fatica dopo gli infortuni che lo hanno tormentato negli ultimi due anni. Tuttavia, dopo la qualificazione agli Open di Melbourne, a Miami ha ottenuto un’importante e combattuta vittoria su Kevin Anderson.
Un segnale incoraggiante nel percorso di recupero del bosniaco, che difficilmente però riuscirà a imporsi sul giovane spagnolo, in grande crescita e che ha già battuto il suo avversario a Colonia lo scorso anno.

Click to comment

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply

Advertisement

Must See

More in In primo piano